Addominoplastica: cos'è e come ti aiuta a ritrovare un ventre piatto e tonico

Addominoplastica

“Una bellezza che senti subito tua. Ti appartiene, perché è autentica e naturale.” Dott.Vincenzo Colabianchi

Dott.Vincenzo Colabianchi

Prenota ora una visita

Addominoplastica, cos’è?

 

L’addominoplastica è uno degli interventi di chirurgia plastica più richiesti, sia dalle donne che dagli uomini. Un addome piatto, tonico e liscio, infatti, è in grado di ridisegnare tutta la linea della silhouette, dando al corpo un aspetto più in forma, giovane, armonico e atletico. La pancia piatta è un desiderio di molti, anche perché rimanda a un’immagine di salute e dinamismo, due caratteristiche fondamentali oggigiorno, sia per corrispondere ai canoni estetici attuali sia per ottenere quel corpo giovanile che, ormai, non è esclusivo appannaggio dei soli ventenni. In genere, i risultati soddisfano i pazienti.

Di cosa si tratta

L’addominoplastica è un intervento chirurgico, da eseguirsi in anestesia generale, che mira a rimuovere adipe e pelle in eccesso nella zona addominale. Ripristinando così snellezza, tonicità e linee armoniche a livello del punto vita e dei fianchi. Esistono tre tipologie di addominoplastica:

L’addominoplastica estesa consiste nel rimodellamento chirurgico sia dell’addome sia della zona dei fianchi e della bassa schiena. E’ indicato a tutti quei pazienti che presentano la classica “ciambella”, ossia dell’adipe ostinato e difficile da trattare con semplice dieta e palestra, che avvolge tutto il punto vita.

L’intervento cosiddetto di addominoplastica completa consiste nell’agire su tutta la parete addominale frontale, dall’ombelico fino ai fianchi. Valido per coloro che presentano la classica pancetta dura a scomparire e per chi ha il problema dell’addome pendulo o a grembiule, spesso strascico di una forte perdita di peso o di una o più gravidanze. Garantisce, inoltre, la possibilità di rimodellare con maggiore facilità e con buoni risultati la parete muscolare addominale.

La mini-addominoplastica, invece, è un intervento più soft e meno invasivo, dai tempi di recupero inferiori e dedicato a coloro che non hanno necessità di eliminare un gran quantitativo di adipe e pelle in eccesso ma che desiderano solo rimodellare l’addome, dargli un aspetto più liscio, tonico e compatto ed eventualmente far sparire smagliature o segni causati dal tempo e dalla forza di gravità.

Importante

Tutte e tre le tipologie di addominoplastica vanno intese come veri e propri interventi chirurgici quindi da non prendere sottogamba. Se si decide di ricorrere a questa metodica per migliorare il proprio aspetto è fondamentale rivolgersi a un chirurgo esperto e a una struttura certificata. Prima di entrare in sala operatoria sarà importante avere un colloquio conoscitivo con il chirurgo, così da poter ottenere tutte le informazioni necessarie sull’intervento, su come verrà eseguito, su quali saranno i tempi di recupero e i risultati che si potranno ottenere. Generalmente, prima di dare l’ok per l’intervento, il medico chiederà un check-up (analisi del sangue, ECG) in modo da ridurre al limite eventuali rischi e complicanze correlati all’anestesia e all’atto chirurgico.

Dott.Vincenzo Colabianchi

Prenota ora una visita

Sì all’addominoplastica se:

  • si vuole eliminare una piccola/media quantità di adipe che non si riesce ad eliminare nonostante si mantenga una sana alimentazione e uno stile di vita sano;
  • dopo un forte dimagrimento, per eliminare gli ultimi residui di grasso ostinato e la pelle in eccesso;
  • post-gravidanza, se si è convinte di non desiderarne altre;
  • per rimodellare l’addome e la zona dei fianchi, scolpire la silhouette e ottimizzare i risultati ottenuti da dieta e palestra.

No all’addominoplastica se:

  • la si intende come una scorciatoia per perdere chili velocemente;
  • viene sconsigliata dal medico a causa di problematiche che potrebbero rappresentare fattore di rischio anestetico e/o chirurgico;
  • si desidera una gravidanza a breve/medio termine.

Importante

L’intervento estetico per l’addome garantisce l’eliminazione di grasso ostinato, pelle superflua e smagliature a livello addominale e quindi regala una pancia piatta, liscia e sexy. Tuttavia, tanto l’addominoplastica quanto la mini-addominoplastica non sono interventi definitivi. Questo significa che un’eventuale gestazione o un aumento di peso potrebbero vanificare i risultati dell’intervento. Per questo è importante approcciarsi a questo tipo di chirurgia con consapevolezza, sapendo che dopo sarà necessario condurre uno stile di vita sano se si vogliono mantenere i risultati ottenuti.

addominoplastica
Addominoplastica Uomo

Percorso Addominoplastica: tutti gli step pre-operatori

Se si ha intenzione di sottoporsi a un intervento di addominoplastica bisogna prendersi il giusto tempo e iniziare da un’adeguata preparazione.

Ecco qualche consiglio utile

  • Cercare di perdere più peso possibile per avvicinarsi al proprio peso-forma, mettendo a punto una strategia combinata di sana alimentazione e attività fisica adeguata alle proprie capacità e possibilità.
  • Smettere di fumare, cosa che abbassa di molto il rischio cardiocircolatorio e rende l’intervento più sicuro e il recupero più rapido.
  • Interrompere cure farmacologiche che potrebbero interferire con la coagulazione, tra cui ad esempio la pillola anticoncezionale.
  • Fare un check-up per controllare di essere in buona salute generale. Basterà eseguire delle analisi del sangue e delle urine generali, un elettrocardiogramma, un controllo della pressione.
  • Scegliere un chirurgo plastico esperto e affermato, che possa garantire l’intervento in una struttura qualificata e che si renda disponibile a seguire tutto il percorso, dal colloquio conoscitivo all’ultimo controllo post-operatorio.

Come funziona l’intervento di addominoplastica

L’intervento viene effettuato in regime di anestesia generale e spesso necessita di un giorno e una notte di ricovero. A discrezione del chirurgo, però, è possibile anche eseguirlo in day-hospital. Ci si dovrà presentare la mattina stessa dell’intervento, a digiuno e con le analisi pre-operatorie eseguite il più recentemente possibile.

Addominoplastica completa

Detta anche standard. Per eseguirla, il chirurgo inciderà tutto l’addome orizzontalmente, da fianco a fianco. In questo modo potrà liberare tutta la zona addominale dal grasso in eccesso. Al bisogno potrà incidere verticalmente sotto l’ombelico, per poterlo liberare dall’adipe e riposizionarlo in maniera centrata e simmetrica. Nella fase di sutura si effettua poi il tiraggio della pelle, e l’eliminazione di quella in eccesso. A questo punto si applica un bendaggio. Il risultato sarà una pancia piatta, liscia e finalmente libera da cuscinetti di grasso impossibili da smaltire con la sola forza di volontà. Generalmente la cicatrice è molto bassa, così che possa essere nascosta dalla biancheria o dal bikini. Questo tipo di intervento dura circa due ore.

Addominoplastica estesa

Consigliata quando l’adipe in eccesso si estende anche alla schiena, creando l’antiestetico rotolino che esce dai jeans quando ci si siede. In questo caso l’incisione sarà più ampia, in modo da aspirare anche il grasso posizionato dietro, a livello della bassa schiena. Anche in questo caso va inciso attorno all’ombelico per riposizionarlo. In fase di sutura, che sarà più lunga e comporterà una cicatrice un po’ più grande, si lavorerà al tiraggio della pelle e ad eliminare tutta quella in eccesso e si applicherà un bendaggio. L’intervento può durare fino a cinque ore.

Mini addominoplastica

Poco invasiva e più veloce, questa pratica chirurgica serve a rimodellare l’addome agendo sui singoli cuscinetti, grazie a una piccola incisione curva appena sopra il pube. In questo modo è possibile aspirare l’adipe in eccesso e poi suturare tirando la pelle con un effetto lifting. La medicazione sarà meno grande e fastidiosa rispetto a quella dell’intervento completo ed esteso e il tempo impiegato circa un’ora.

addominoplastica

Cicatrice

Trattandosi di un intervento chirurgico, naturalmente, dopo un’addominoplastica o mini-addominoplastica ci sarà una cicatrice. C’è però da tenere presente che:

  • un bravo chirurgo cercherà di posizionarla più in basso possibile, così che sia coperta dal bikini o dalla biancheria;
  • con il passare del tempo la cicatrice tende a schiarirsi diventano meno visibile;
  • esistono trattamenti soft che, a tempo debito, possono essere utilizzati per minimizzarla al massimo e renderla quasi invisibile.

Post-operatorio dell’addominoplastica

Il post operatorio varia da persona a persona e può dipendere da diversi fattori. Ad esempio quanto è stato complicato l’intervento, come il paziente reagisce, quanto adipe e quanta pelle sono stati eliminati. Anche in base a questo il medico stabilisce i giorni di ricovero a partire da 24 ore fino a più giorni, se necessario. Nei primi giorni si potrebbero sperimentare sensazioni di:

  • fastidio;
  • leggera dolorabilità;
  • bruciore;
  • prurito.

Tutti questi sintomi spariscono velocemente e vengono comunque tenuti sotto controllo da farmaci antidolorifici. Per qualche settimana l’addome potrà risultare un po’ gonfio e livido ma, a poco a poco, sarà possibile vedere il risultato finale e ammirarlo in tutta la sua riuscita. Per quanto riguarda i punti di sutura, in genere sono riassorbili. In alcuni casi, però, il medico darà un appuntamento a breve termine per rimuovere quelli non riassorbili e per controllare l’esito positivo dell’incisione. Per le prime settimane si dovrà indossare una guaina chirurgica.

Follow-Up

Dopo essersi sottoposti a rimodellamento addominale chirurgico è fondamentale non saltare gli appuntamenti con il medico per i controlli. Nel frattempo osservare un periodo di riposo che può andare dalle 4 alle 6 settimane ma può essere modificato, a discrezione del medico, proprio durante gli incontri in follow-up.

Cosa fare per ottimizzare e mantenere i risultati di un’addominoplastica

Generalmente i pazienti sottoposti ad addominoplastica sono soddisfatti dei risultati ottenuti grazie all’operazione.

Dopo circa 6 settimane saranno pienamente visibili i risultati dell’addominoplastica. Non resta che impegnarsi a mantenerli.

Come?

  • Praticando uno stile di vita sano, alimentandosi bene e facendo la giusta attività fisica aerobica.
  • Eseguendo esercizi mirati per la tonificazione muscolare.
  • Curando la pelle con cosmetici di qualità, massaggi.
  • Restando idratati.
  • Evitando tutto ciò che fa male e contribuisce a peggiorare salute e bellezza come fumo, troppo alcool, eccesso di grassi e scarse ore di sonno.

Richiedi un appuntamento per una visita

Testimonianze

Cosa dicono
i miei pazienti

Ho deciso di fare l'operazione dopo anni di lavoro, insicurezze e vergogna. Per quanto dimagrissi la mia pancia non cambiava mai, causandomi stress e sconforto. Decisa ad affrontare questa situazione, mi sono rivolta a ben 5 chirurghi: ma con il dottor Colabianchi è stato "amore a Prima Vista"...

DLL
Finalmente rivivo ✌ ✌ ✌ Ho detto basta ad anni di insicurezza e vergogna!!!

Centro molto accogliente dove da subito sanno mettere il paziente a proprio agio...molto discreto..pulizia al massimo...sala operatoria degna del nome che porta....io ho già avuto diverse esperienze purtroppo negative quindi so di cosa parlo... Sono anche cosciente del fatto che all'inizio nn pensiamo a tutti questi particolari ma nel complesso dell'intervento e quindi per una buona riuscita e per un benessere dei pazienti è un aspetto fondamentale...ve lo posso assicurare!!!! E poi lui....Vincenzo Colabianchi...un vero professionista nel suo lavoro...sa consigliare sempre per il meglio....mai eccessivo...mai arrogante...

Bologna71
Tornerei anche domani in questo centro ....sicura dell'igiene e della professionalità e gentilezza che lo contraddistinguono!!!!

Mi sono decisa dopo tanti anni e ora sono felice di aver compiuto questo passo. Avevo contattato in passato altri chirurghi della mia città (Bologna) ma non mi avevano convinta. Il dr. Colabianchi mi ha visitata la prima volta a Villalba e subito mi ha fatto una buona impressione, ha ascoltato e risposto alle mie domande con professionalità e simpatia. Sono stata contattata il giorno seguente dalla sua assistente Simona, che ricopre un ruolo importante perché sa stare vicino ai pazienti e riesce a tranquillizzare con il suo tono molto pacato e gentile.

Icona-vc
Anonimo
Mastopessi con protesi