Medicina Estetica - Fillers - Dott. Vincenzo Colabianchi
  • 177
  • 0

Botulino: panacea di tanti mali!

Tutti conosciamo il botulino. Una tossina potenzialmente pericolosa che, invece, in medicina estetica è una vera e propria amica di bellezza e gioventù. Sì perché, grazie alla sua azione “paralizzante”, è in grado di restituire al viso un aspetto liscio, senza rughe e segni espressivi, ringiovanito.

Tutte le applicazioni del botulino

Parliamo quindi solo di “vanità” o di sana voglia di curare e ottenere un aspetto al meglio delle proprie possibilità? In verità no. Il botulino è usato in medicina per molte applicazioni, non solo estetiche.

botulino
Botox Prima Dopo

Ad esempio

  • Cura l’iperidrosi, una patologia ormonale che spesso comporta la produzione di sudore dall’odore eccessivamente acre. Questo non solo mortifica chi ne soffre ma limita fortemente autostima, qualità della vita e relazioni sociali.
  • E’ un rimedio contro il bruxismo, ossia l’abitudine inconsapevole di digrignare i denti durante il sonno. Causa, a lungo andare, di problemi dentali ma anche di asimmetrie anti-estetiche del viso.
  • Aiuta nella cura di alcune tipologie di emicrania.
  • Può essere una terapia affiancabile a quelle tradizionali contro la depressione.

E per quanto riguarda il botox anti-age?

A parte tutto, il botulino, con le famose “punturine“, resta comunque il rimedio d’eccellenza per chi desidera donarsi un aspetto più giovane senza dover ricorrere a trattamenti più invasivi come il lifting.

Funziona?

Sì! I risultati possono essere decisamente soddisfacenti su:

  • rughe;
  • segni espressivi;
  • lassità muscolare del viso che ne stravolge i contorni;
  • zigomi vuoti;
  • labbra poco carnose e sensuali.

Inoltre, se ben calibrato e utilizzato da un medico specializzato in countouring, può addirittura sostituire la rinoplastica. Giocando sui volumi, infatti, è possibile correggere piccoli inestetismi del naso e donare nuova armonia e simmetria a un viso con un naso non del tutto perfetto.

botulino
Botox

Il botulino, trattamento anti-età di medicina estetica tra più richiesti.

Saldamente in vetta alla classifica in tutto il mondo, Italia compresa, presto non sarà più solo. Arriva direttamente dagli States la notizia che una nuova neurotossina, chiamata RT002, attualmente in fase di test. Da poco più di un mese è protagonista di ben tre differenti studi mirati in particolare a verificare la sua efficacia sulle rughe glabellari. Cioè quelle che si trovano tra le sopracciglia, alla radice del naso, frutto della mimica facciale. Per avere i risultati concreti bisognerà attendere ancora un po’ ma i primi dati sono più che positivi e fanno ben sperare.

Dice l’esperta

Tina Alster, medico di Washington DC che fa parte di uno dei team incaricati di eseguire le verifiche, dichiara che “L’RT002, il più recente neuromodulatore iniettabile, sembra candidarsi realmente come una valida alternativa al botulino. Si è rivelato sicuro e ben tollerato e, a parità di efficacia e performance, possiede addirittura qualche “atout” in più, in primis, un effetto più duraturo. Se non si verificano problemi e tutto procede senza intoppi, l’approvazione alla commercializzazione della nuova molecola da parte della FDA ( Food and Drug Administration) americana sembra non essere così lontana. Soprattutto se si considera che uno studio dello scorso anno ha dimostrato che i risultati anti-età dell’RT002 hanno una durata di ben 6 mesi.

E se questo non fosse già abbastanza

A fare la differenza c’è anche la diversa composizione delle due molecole. RT002 infatti, è una versione altamente purificata della tossina botulinica e non contiene né proteine animali, né albumina umana.

Aggiungi Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *