Addominoplastica - Dott. Vincenzo Colabianchi
  • 326
  • 0

Gli effetti collaterali della gravidanza

Durante la gravidanza le donne vedono e sperimentano sulla propria pelle tutta una serie di cambiamenti fisici. Questi possono risultare anche traumatici. Il momento peggiore arriva, però, qualche mese dopo la nascita del bambino. Ci si accorge che, anche se si perdono tutti i kg in eccesso, la silhouette non è più la stessa, specialmente a livello addominale.

Addome compromesso dalla gravidanza

Quali sono gli inestetismi più comuni nel post-parto?

  • Grasso resistente a livello addominale.
  • Smagliature sulla pancia.
  • Pelle flaccida e cadente.
  • Effetto “pancia a grembiule” cioè molle, poco tonica.

Dieta, ginnastica e trattamenti cosmetici possono aiutare in questi casi ma non sono risolutivi. L’unica soluzione è la chirurgia, che consente di ottenere nuovamente l’addome piatto e liscio del pre-gravidanza.

Addominoplastica

L’addominoplastica è, infatti, un intervento di “body contouring” che permette di migliorare nettamente l’aspetto e i profili del corpo e di rimodellare l’addome. Consente di rimuovere l’eccesso di cute e di adipe e di contrastare la lassità dei muscoli della parete addominale, riavvicinando le fasce muscolari alla linea mediana da cui si sono allontanate a causa della diastasi, restituendo così tono e definizione.

addominoplastica

Addominoplastica: molto richiesta negli USA e, ultimamente, sempre più anche in Italia

Una procedura che sta prendendo sempre più piede anche in Italia e che, negli States, si afferma come uno degli interventi più richiesti, tanto il “Tummy Tuck” viene spesso definito “Life Changing Surgery”, la “chirurgia che ti cambia la vita. E se i risultati estetici sono innegabili oggi questa procedura ha un’altra freccia nel suo arco. Una ricerca pubblicata di recente su “Plastic and Reconstructive Surgery” ha dimostrato e confermato ciò che già da tempo i chirurghi avevano riscontrato sui loro pazienti. L’addominoplastica è in grado di migliorare i dolori alla schiena e l’incontinenza urinaria post-gravidanza, un plus che rende l’intervento ancor più interessante per molte donne affette queste problematiche.

Lo studio scientifico

Lo studio ha coinvolto 214 donne sottoposte ad addominoplastica con riparazione muscolare in nove diversi centri chirurgici australiani. Prima dell’intervento a ciascun paziente è stato chiesto di valutare la frequenza e il grado di lombalgia e incontinenza. Più della metà delle donne hanno giudicato il dolore alla schiena da moderato a grave, mente l’incontinenza rappresentava una preoccupazione significativa. Nel follow-up post-operatorio eseguito dopo sei settimane e trascorsi sei mesi dall’intervento, solo il 9% dei pazienti ha riportato la presenza residua di un lieve dolore alla schiena e meno del 2% ha dichiarato che l’incontinenza urinaria non si era risolta. Dati che sicuramente fanno riflettere e che apportano all’addominoplastica una nuova valenza che la colloca tra gli interventi realmente efficaci nel migliorare la qualità della vita superando l’aspetto puramente estetico.

Tutti i vantaggi dell’addominoplastica post-gravidanza

addominoplastica
Addominoplastica
  1. A livello estetico, si eliminano tutti gli inestetismi legati a grasso in eccesso e lassità muscolo-epidermica.
  2. Si ottiene nuovamente la silhouette snella e tonica del pre-gravidanza.
  3. La paziente riacquista autostima, si trova nuovamente a proprio agio nel suo corpo, quindi vive meglio la maternità e la vita di coppia e sociale.
  4. Si migliora l’eventuale incontinenza urinaria insorta a causa della gravidanza.
  5. Si ottengono benefici contro i dolori alla schiena.

A chi è consigliata l’addominoplastica post-parto

A tutte le donne che, dopo aver partorito, desiderano riacquistare la loro forma originale, quella che avevano prima del parto. In genere, se si ha in mente di avere altri figli a breve, il chirurgo consiglia di attendere e di procedere chirurgicamente dopo. In ogni caso, una donna che si è sottoposta a questo tipo di intervento, può, in futuro, partorire senza alcun problema né difficoltà.

Intervento anche per pazienti giovani?

Assolutamente. Anzi, forse sono proprio le giovani donne ad averne più bisogno e ricorrervi più spesso. In genere, la candidata ideale per l’addominoplastica è:

  • una giovane donna che ha partorito da poco;
  • sana e in buona forma fisica;
  • non in sovrappeso né obesa;
  • con una buona tonicità muscolare, cioè che ha perso tono solo sull’addome, proprio a causa della distensione gravidica.
addominoplastica
Addome piatto, fisico giovane

Post-Operatorio

Per un anno, la paziente verrà seguita con controlli periodici gratuiti, per monitorare che tutto stia andando nel migliore dei modi. Dopo l’intervento si dovrà portare una guaina elastica per alcune settimane e l’attività sportiva potrà essere ripresa dopo circa un mese. Le attività della vita quotidiana, invece, saranno possibili già dai giorni successivi. In caso di dolore, che comunque è lieve e contenuto e svanisce da solo in pochi giorni, si può ricorrere a una terapia farmacologica antidolorifica.

Il consiglio del chirurgo

Una donna, dopo la gravidanza, può essere poco lucida e obiettiva, per tutta una serie di motivi fisici, ormonali, psicologici. Sarà compito del bravo chirurgo consigliare al meglio quale tipo di approccio scegliere per l’addominoplastica, quali aspettative riporre nell’intervento e come eseguirlo per donare alla linea del corpo armonia e proporzione senza scadere nell’artefatto. Il risultato finale deve essere naturale e perfettamente contestualizzato con la corporatura della paziente.

 

Aggiungi Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *