addominoplastica
  • 55
  • 0

Addominoplastica: via la pancetta, per sempre!

L’addominoplastica è, senza dubbio, uno degli interventi di chirurgia plastica che destano più curiosità e che sono più richiesti. Tuttavia, non sempre l’intervento estetico addome è la scelta d’elezione. Per affrontare al meglio il percorso chirurgico, e di cambiamento della propria figura, è bene conoscere tutte le casistiche in cui questa scelta è quella ideale.

addominoplastica
Ventre Piatto e Tonico

Perché si pensa di ricorrere all’addominoplastica?

Quali sono le motivazioni che spingono donne e uomini, anche giovani, a richiedere l’aiuto del chirurgo plastico per un’addominoplastica?

Ecco i principali:

Insomma, quando uno stile di vita sano non è sufficiente a ottenere addominali piatti e tonici, da esibire nella vita di ogni giorno, in spiaggia o nei selfies, si cerca di risolvere il problema “pancetta” con la chirurgia.

E’ sempre una scelta giusta?

Ovviamente non sempre l’addominoplastica può essere considerata la scelta giusta. Tant’è che, durante il colloquio conoscitivo con il chirurgo, è anche possibile che il paziente si senta rifiutare l’idoneità all’intervento addominale.

In quali casi può succedere?

  1. Laddove il chirurgo si accorga che l’addominoplastica viene considerata dal paziente una “scorciatoia” alla perdita di peso.
  2. In caso di pazienti con uno stato di salute non compatibile con un intervento alla pancia in anestesia generale.
  3. Nel caso di donne che intendono avere in futuro dei figli.
  4. Quando i richiedenti sono molto giovani perché, generalmente, il grasso addominale in gioventù si può eliminare modificando lo stile di vita.
  5. Se il paziente fa parte di quelle persone che soffrono di dismorfofobia. Una patologia, spesso correlata a disturbi alimentari, che impedisce al soggetto di vedersi nella sua vera fisicità. Spesso, donne o uomini di bell’aspetto, in forma, vedono comunque enormi difetti fisici che in realtà non esistono.

Quando, invece, l’addominoplastica è appoggiata e consigliata?

addominoplastica
Sì all’addominoplastica quando si è riusciti a raggiungere il peso forma!

In altri casi, invece, l’intervento di addominoplastica è la soluzione ideale al problema dell’addome prominente, della pancia a grembiule o della muscolatura addominale compromessa.

Ecco quali sono i principali casi in cui si consiglia l’intervento estetico addome:

  • a pazienti in forma che, per genetica, accumulano adipe resistente a livello addominale;
  • alle neo-mamme, subito dopo aver finito l’allattamento e ripristinato il peso-forma;
  • a coloro che hanno perso molto peso con diete o chirurgia bariatrica;
  • nel caso in cui si voglia migliorare l’aspetto dell’addome in età matura;
  • in tutte le situazioni in cui coesiste una vera e propria patologia ossia ernie addominali, laparocele o diastasi dei retti.

Quando è bene affrontare il percorso chirurgico?

Un fisico che non rispetta i propri canoni estetici, o che si è modificato a causa di fattori esterni (dimagrimento, gravidanza, età) può inficiare nettamente la qualità della vita.

Chi non si piace, infatti:

  • perde autostima;
  • può cadere in patologie come depressione, ansia, attacchi di panico;
  • tende a rifuggire le occasioni di socialità, ad esempio le vacanze in spiaggia, la piscina, la palestra, le serate in abito elegante;
  • evita di indossare gli abiti che ama o che vanno di moda, perché pensa che non siano idonei al proprio fisico;
  • si mortifica anche sui Social, evitando di postare selfies o foto.

Se la chirurgia, modificando l’aspetto della silhouette, riesce a infondere nel paziente anche la giusta sicurezza emotiva, sicuramente questo migliora la sua vita. Acquistato il “corpo dei sogni”, la persona ricomincerà a vivere con più serenità. Vivrà più intensamente la vita sociale. In una parola: sarà più felice.

Qual è il momento adatto per l’addominoplastica?

Parliamo di un vero e proprio intervento chirurgico. E’ quindi importante non prendere il discorso sottogamba. E, soprattutto, sentirsi veramente pronti e motivati ad affrontare questo percorso di cambiamento fisico.

Il momento giusto per intervenire sull’addome è:

  • quando si è in peso-forma e si è riusciti a instaurare uno stile di vita sano che impedirà di sfociare in sovrappeso o obesità futura;
  • dopo la gravidanza, alla fine dell’allattamento, quando si è tornate al normopeso e si è sicure di non volere più figli;
  • in un momento della propria vita in cui si ha la maturità sufficiente per essere consapevoli dell’immagine che si vuole ottenere e dare di sé;
  • quando si decide di operarsi all’addome per se stessi e non per seguire una moda, un trend o, peggio ancora, i desideri di terzi.

Il colloquio con il chirurgo

Se si decide di sottoporsi ad addominoplastica è fondamentale scegliere un bravo chirurgo. Deve essere qualificato, competente, di fiducia e operare in una struttura sicura e a norma.

Durante il primo colloquio è importante:

  • definire con il medico le motivazioni che inducono a desiderare la chirurgia addome;
  • spiegare al chirurgo quali sono i desideri e le aspettative;
  • mettere sul piatto tutti i dubbi e le incertezze, in modo da consentire al medico di poter dare tutte le informazioni e le risposte utili a prendere una decisione consapevole.
addominoplastica
Addome al Top

Inoltre è bene sapere che:

Non trattandosi di un intervento “salva-vita”, l’operazione per eliminare la pancia non è considerata necessaria. Quindi il medico può anche decidere di rifiutarsi, se crede che ci siano motivazioni valide per dire “no”.

Ad esempio

  • per sottoporsi all’intervento bisogna essere in buona salute, non presentare grossi rischi rispetto all’anestesia, non avere patologie correlate a rischio di emorragia, trombosi, embolia, avere bassi rischi cardiaci, possibilmente non essere fumatore, alcolista o utilizzatore di sostanze;
  • l’addominoplastica viene effettuata in anestesia totale, con day hospital. In alcuni casi speciali il chirurgo, se richiesto dal paziente, può decidere di utilizzare l’anestesia locale. Se necessario, il ricovero può estendersi alla notte;
  • nel post operatorio potrà esserci dolore e gonfiore, che potrà necessitare di terapie antidolorifiche. Inoltre bisognerà portare una guaina elastica per alcune settimane e sottoporsi a controlli periodici almeno nell’arco del primo anno post-intervento.

Addominoplastica sì o no?

La risposta giusta è “dipende”. Assolutamente sì se la si affronta con giuste motivazioni, aspettative realistiche e uno stato d’animo sereno e consapevole.

Aggiungi Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *