smagliature
  • 562
  • 0

Gli inestetismi del corpo

Al pari di cellulite e cuscinetti adiposi localizzati, le smagliature sono un inestetismo tra i più odiati e temuti dalle donne. Conosciute anche come Striae Atrophicae o Striae Distense. Sono più diffuse di quanto si pensi e sono causate principalmente da fattori ormonali.

Ad esempio

  • modifiche ormonali in età puberale, infatti gli adolescenti possono soffrire di smagliature al pari degli adulti;
  • gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre;
  • l’aumento ponderale, anche gravidico, che fa produrre più relaxina, una sostanza che altera l’elasticità dei tessuti;
  • rapidi aumenti o diminuzioni di peso.

Smagliature da dimagrimento

I dimagrimenti importanti, e repentini, possono provocare la comparsa di smagliature. Soprattutto a livello del seno, dei fianchi, dell’addome, delle cosce. Questo perché, la pelle tesa sull’adipe si “strappa”. Nel momento in cui si dimagrisce, il vuoto provocato dal grasso eliminato, non riesce a tendere la pelle che appare, appunto striata. Ciò accade soprattutto a causa della rottura degli strati di collagene presenti nella profondità del derma.

Dove si localizzano le smagliature

Le aree del corpo più soggette a smagliature sono:

  1. Seno
  2. Addome
  3. Fianchi

ma le striature possono comparire praticamente in qualsiasi parte del corpo. Sono il risultato della cicatrizzazione delle fibre elastiche.

smagliature
Smagliature

Come riconoscere le smagliature

Le smagliature si presentano come bande lineari singole o multiple. Ben delimitate, parallele, intervallate da cute sana e caratterizzate da atrofia e riduzione dello spessore della pelle. Ecco spiegato il loro aspetto leggermente incavato e, a volte, traslucido. Attenzione però: non sono tutte uguali. Sono diverse a seconda del tipo e della qualità delle pelle e della loro “età”:

  • Quelle di colore rosso-violaceo sono più recenti, quelle bianche o perlacee, sono presenti da più tempo.
  • Quelle sottili “a tela di ragno” sono più facili da minimizzare rispetto a quelle spesse e larghe che hanno causato una visibile e palpabile alterazione del tessuto.

Smagliature, aspetti psicologici

Le donne, ma anche molti uomini, vivono in maniera soggettiva la problematica della smagliature. Per alcune donne, soprattutto se le strie sono frutto di una gravidanza, come dicono negli States sono NBD (No Big Deal), ovvero “non un grosso problema”. Ad esempio Chrissy Teigen ha pubblicato una sua foto un tweet con la didascalia “Whatevs”, ovvero “chissene…”. Per altre, invece, conviverci è davvero difficile. Al SOS di queste ultime risponde la medicina estetica, che permette di affrontare le smagliature con trattamenti “mirati”, che assicurano ottimi risultati. Tenendo sempre ben presente che una volta comparse le strie, a meno che non si intervenga chirurgicamente, si possono solo attenuare fino a renderle quasi impercettibili.

Quando intervenire?

Nel caso si tratti di smagliature post-gravidanza, i medici consigliano d non intervenire subito. “La smagliature tendono a migliorare con il tempo – puntualizza il dott. Peter Bray, chirurgo plastico di Toronto – è fondamentale soprattutto aspettare che, dopo essere diventate mamme, il peso si sia stabilizzato, che si tratti di pochi mesi o di un anno. La maggior parte delle donne è desiderosa di intervenire al più presto per “cancellare” questo inestetismo, ma consiglio di aspettare almeno un anno”. Inoltre, aggiunge il Dr. Cory Goldberg, chirurgo plastico sempre di Toronto, “è consigliabile aspettare ad effettuare il trattamento se si pensa ad altre gravidanze”.

Come intervenire

Nel trattare le smagliature di devono affrontare due problematiche diverse che richiedono approcci “ad hoc”:

  • la pigmentazione, cioè il loro colore;
  • la consistenza.

Il medico estetico, o il chirurgo plastico, valuterà tutti questi parametri, ascolterà con empatia ed attenzione le aspettative e i desideri della/del paziente e deciderà quale sia l’approccio migliore per risolvere al meglio il problema nella sua soggettività specifica. Per eliminare le smagliature esistono diversi sistemi.

Ad esempio

  • laser;
  • peeling chimici;
  • puce pulsata;
  • microneedling;
  • trattamenti con principi attivi rivitalizzanti;
  • radiofrequenza;
  • combinazioni di più trattamenti tra loro.

Alcune opzioni

IPL

Se a infastidire è il colore delle strie, il trattamento d’elezione è la Luce Pulsata (IPL, Intense Pulsed Light) che, lavorando con gli stessi principi dell’energia luminosa dei laser è capace di essere assorbita all’interno delle cellule di un determinato colore (cromofore), dove viene convertita in energia termica. Restringe i vasi sanguigni nell’area della smagliatura, così da renderli meno evidenti, attenuando il rossore e rendendo più uniforme il tono della pelle. La maggior parte delle donne con smagliature trae beneficio da questa tecnica – sottolinea il Dr. Peter Bray – in particolare quelle dalla carnagione molto chiara in cui il rosa porpora dei segni risulta più evidente. Ridurre l’aspetto cromatico delle strie è un elemento importante perché porta il loro colore vicino a quella naturale della pelle e le rende meno evidenti alleviando il disagio con cui vengono vissute da molte donne”.

Microneedling

Per migliorare la consistenza della pelle e anche il tono, si opterà per il microneedling. Si tratta di una tecnica che stimola la produzione del collagene. Ispirata alla cicatrizzazione delle ferite e ai processi di riparazione innescasti dall’organismo che chiamano in causa il collagene e l’elastina. Lo strumento con cui si effettua il microneedling si chiama Dermaroller, una specie di “rullo” alla cui estremità sono posizionati aghi sottilissimi che, passati sulla cute, la feriscono con micro-lesioni assolutamente indolori. La reazione a queste “lesione” è la sintesi di nuovo collagene e il rilascio dei fattori di crescita che ne promuovono la rigenerazione. Secondo il dr. Cory Goldberg, è d’obbligo per un professionista qualificato ricordare al paziente che “Con il microneedling è possibili migliorare fino all’80% l’aspetto delle smagliature, ma è importante puntualizzare che con questa procedura, come qualsiasi altra metodica non chirurgica, non è possibile rimuove completamente le strie”.

Laser

Se le smagliature hanno un aspetto “increspato”, la scelta migliore, come suggerisce il dr. Peter Bray, è una tecnica di “resurfacing”. Il laser Fraxel, un laser “freddo”, tecnicamente viene definito laser frazionato non ablativo, che non brucia lo strato superficiale della pelle. Produce migliaia di minuscoli forellini sotto gli strati superficiali dell’epidermide e, penetrando fino al derma, stimola la pelle a rigenerarsi ottimizzando la produzione di collagene e incrementando la tonicità e compattezza dei tessuti. Tutti gli esperti sono concordi nel sottolineare l’importanza di avere aspettative realistiche qualsiasi sia il trattamento scelto.

smagliature
Smagliature: soluzioni efficaci

Cosa aspettarsi da un trattamento anti-smagliature

Ogni procedura migliora sensibilmente l’aspetto delle smagliature ma nulla potrà cancellarle definitivamente se non una procedura chirurgica. A tal proposito il dr. Peter Bray afferma che è comprensibile che ci sia una certa reticenza ad affrontare un intervento chirurgico ma a volte ci sono pazienti che spendono molti soldi in trattamenti non invasivi ma senza soddisfazione e alla fine per avere i risultati desiderati sono ricorsi all’addominoplastica”. La gestione delle aspettative è un punto fondamentale che andrà attentamente valutato dal medico. Ci sono pazienti che si aspettano che una procedura di medicina estetica non invasiva possa cancellare definitivamente le smagliature. Altri che desiderano solo che siano meno evidenti. Altri ancora per i quali si rende necessario un intervento chirurgico.

 

Aggiungi Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *