filler eco-friendly
  • 58
  • 0

“Think Green!” pensare verde oggi è anche bello!

Si pensa ancora che chi è attento all’estetica sia una persona superficiale che non ha a cuore ben altri temi? Sbagliato! Sempre più pazienti, negli ultimi anni, si dimostrano estremamente sensibili al tema della sostenibilità dei prodotti che si usano in medicina e chirurgia estetica. Nel mondo della cosmesi questo fenomeno è ancora più sviluppato. La stragrande maggioranza delle persone, ormai, acquistano esclusivamente prodotti bio, non testati sugli animali, in packaging riciclabili. Il filler eco-friendly potrebbe arrivare in Italia a breve!

Filler eco-friendly: sicuro e sostenibile

Sostenibilità e attitudini eco-responsabili sono tra i temi di maggiore attualità della nostra società. Una tendenza che abbraccia un po’ tutti i settori, anche molto diversi, e si allarga a macchia d’olio, coinvolgendo anche l’estetica. Così, dopo aver influenzato il design sempre più attento alla natura e al rispetto dell’ambiente e dopo aver conquistato il mondo della moda, che ha fatto di sostenibilità e dell’assumere comportamenti responsabili il suo credo, prende sempre più piede anche nell’universo beauty.

Segnali forti dell’eco-sostenibilità in estetica:

  • prodotti bio;
  • no test sugli animali;
  • packaging riciclabili;
  • prodotti naturali e poco manipolati in fabbriche e laboratorio;
  • abolizione di tessuti animali come, ad esempio, le pellicce, soprattutto nel settore moda e fashion-style.

Sustainabile Fashion

filler eco-friendly
Filler Ecologico

I principi della sustainable fashion si approdano nel vocabolario della bellezza che si arricchisce di nuove parole diventate ormai delle habituée. A differenza di quello che accade nella moda o nell’interior design, qui il concetto di “green” si associa a quello di “clean”.

Per definire:

  • prodotti 100% organici;
  • basati su ingredienti certificati bio;
  • a Km 0;
  • frutto di un processo produttivo dal minimo impatto sull’ambiente;
  • racchiusi in packaging in plastica o carta riciclate e riciclabili decorate con la minore quantità di inchiostro possibile.

Etica ed estetica, anche filler eco-friendly

L’etica e l’estetica si alleano e, in un’ottica beauty a 360°, superano le frontiere della cosmesi e portano questa tendenza in un nuovo ambito. La green attitude o meglio la coscienza eco-friendly conquista anche il mondo della medicina estetica. Le prime notizie (e conferme) arrivano direttamente dagli States, paese da sempre in primo piano per le innovazioni in questo campo.

Filler eco-friendly

Il primo filler eco-friendly, “green”, biodegradabile a base di seta potrebbe debuttare a breve. Silk Medical Aesthetics Inc. (divisione di Silk Inc. con sede nel Massachusetts), ha dichiarato al magazine statunitense WWD (Women’s Wear Daily) di avere sviluppato “una tecnologia di seta liquida biocompatibile che si rivela la prima piattaforma di biomateriali completamente naturali per le iniezioni nella pelle”. Activated Silk, questo il nome del nuovo biomateriale, costituito da pura seta ricavata dal filo dei bozzoli dei bachi da seta sospesi in un liquido, è destinato ad essere utilizzato nelle procedure di medicina estetica come “filler dermico iniettabile per il riempimento delle rughe del viso e delle mani e il trattamento delle cicatrici lasciate dall’acne”.

Lo studio e le prove del filler eco-friendly

Le prove cliniche sono programmate per il prossimo anno e, trascorsi i tempi necessari per effettuare tutti i test e le verifiche che ne attestino la sicurezza e l’innocuità, si ipotizza che il nuovo filler eco-friendly possa essere lanciato sul mercato nel 2022. Ma non è solo il nuovo materiale a essere completamente naturale. Lo è anche l’intero processo di produzione perché “le strutture di Silk Inc. a Bostondichiara Greg Altman, co-fondatore della società utilizzano energia solare e foglie di gelso. Inoltre Activated Silk, non contiene conservanti chimici. Il processo end-to-end rende quindi questa tecnologia totalmente sostenibile”.

filler eco-friendly
Filler

Come ha reagito alla notizia del filler eco-friendly l’ambiente medico?

Dr. Dhaval G. Bhnusali, dermatologo di New York

“L’innovazione è sempre la benvenuta così come avere a disposizione più opzioni tra cui scegliere. Saranno però necessari test severi per vedere quanto il prodotto è efficace e quanto è sicuro”.

Dr. Papri Sarkar, dermatologo di Brooklyn

“Nonostante la seta sia prodotta naturalmente – afferma infatti – alcune persone possono avere delle reazioni ai prodotti naturali. In passato, ad esempio, alcuni pazienti hanno avuto reazioni a suture in seta. Sono sicuro però che questo prodotto ha una struttura differente da quella del filo per suture e che quindi non darà gli stessi problemi. L’acido ialuronico, invece, è già presente nella nostra pelle, motivo per cui pochissime persone hanno reazioni quando viene utilizzato come ingrediente per il riempimento”.

Greg Altman

Spiega che Activated Silk, essendo una proteina pura della seta in forma liquida, offre un sistema sfaccettato e multitasking che apporta molteplici vantaggi avanzati al prodotto. Il nostro obiettivo – sottolinea -è supportare un controllo preciso del gonfiore dopo l’iniezione così che il medico possa individuare con facilità le aree problematiche durante la procedura ed intervenire in modo assolutamente preciso e mirato. Inoltre, intendiamo sfruttare la biocompatibilità di Activated Silk per ridurre il rossore e l’infiammazione dopo il trattamento. Ma non è tutto.

Un altro suo vantaggio è che pur essendo un filler reversibile, Activated Silk è stato progettato per integrarsi e fondersi nella rete di collagene naturale della pelle. Da non dimenticare poi che il sistema di biomateriali in seta ci permette di personalizzare la longevità del filler indipendentemente dalle proprietà elastiche del gel (con una durata variabile dai 3 ai 24 mesi) creando un aspetto e una sensazione e un risultato più naturali ”.

Quando arriverà il filler eco-friendly?

filler eco-friendly
Filler

Per il nuovo filler eco-friendly bisognerà aspettare almeno fino al 2022, e nell’attesa, ricordiamo che la medicina estetica offre attualmente soluzioni altrettanto efficaci e sicure. I filler più moderni infatti sono costituiti da acido ialuronico, una sostanza naturalmente presente nel nostro organismo e pertanto biocompatibile e priva di effetti nocivi. I fillers, lo ricordiamo, sono sostanze iniettabili nel derma o nel tessuto sottocutaneo utilizzate sia per correggere imperfezioni dell’epidermide e inestetismi del volto (quali linee d’espressione e rughe naso-geniene, frontali, periorali, contorno occhi), sia per ripristinare, plasmare o aumentare il volume di alcune zone del viso (labbra, zigomi, mento, fronte). Il loro obiettivo è finalizzato ringiovanimento del volto con un effetto di soft-lifting che leviga e distende i segni d’invecchiamento e dona nuova freschezza, armonia, giovinezza e tonicità ai tratti con un risultato immediato che non altera l’espressività naturale e la mimica facciale. Il risultato è temporaneo e reversibile.

Ogni quanto rifare i fillers?

La durata può variare dai 4 ai 12 mesi, periodo in cui le sostanze iniettate, vengono progressivamente riassorbite. Ad influenzarla negativamente, abbreviando quindi l’efficacia della procedura, le abitudini e lo stile di vita con fumo, stress, attività fisica ed esposizione ai raggi Uv tra i fattori maggiormente responsabili. Il trattamento è ambulatoriale, non richiede anestesia, è indolore (è possibile eventualmente utilizzare una pomata anestetica e la durata della seduta varia da 15 a 30 minuti in base alle necessità individuali, all’entità e alle zona da trattare, trascorsi i quali si può riprendere tranquillamente le attività quotidiane.

 

Aggiungi Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *