addominoplastica post parto
  • 816
  • 0

Addominoplastica post parto: sempre più neo-mamme la scelgono!

La gravidanza cambia il corpo? Dopo il parto si torna come prima? Sì e no. Molti i fattori che influenzano l’entità della trasformazione fisica e la possibilità di riacquistare la propria fisicità. L’addominoplastica post parto è una scelta che molte neo-mamme fanno. Vediamo insieme perché, quando conviene, quali sono le controindicazioni.

Gravidanza: una fase della vita che ti cambia

La gravidanza, si sa, apporta molti cambiamenti nella donna, tanto fisici quanto psicologici.

A livello puramente fisico abbiamo:

  • un aumento di peso consistente;
  • la distensione dell’addome, delle pareti addominali;
  • una modificazione di tutta la linea  della silhouette, che risente senza dubbio del nuovo peso dell’addome, che grava su fianchi, schiena, glutei;
  • un aumento del seno e, dopo l’allattamento, un suo fisiologico svuotamento.

Tutto questo, unitamente all’emozionalità psicologica che diventare mamma inevitabilmente comporta, può ripercuotesi negativamente sull’autostima e sulla visione di se stesse.

E dopo il parto?

Il parto, innegabilmente, è una delle gioie più grandi che capitano nella vita di una donna. Tuttavia, è un evento impegnativo, anche a livello psicologico. La vita cambia, così come lo “status”. Da figlie si diventa genitori, da ragazze donne. E’ necessario ricalibrare le proprie abitudini, i propri orari, fare rinunce e apportare modifiche importanti al proprio stile di vita. A questo, si aggiunge lo stress di vedere il proprio corpo “cambiato, modificato”, spesso in peggio.

Quali sono i problemi maggiori?

  1. L’addome. Anche se si perdono i kg accumulati in gravidanza, molte donne si ritrovano con la pancia cadente, con la pancia a grembiule, flaccida e poco tonica.
  2. Il seno. Che può apparire svuotato e perdere turgore.
  3. La parte bassa del corpo in generale: fianchi, glutei, cosce, dove possono comparire cellulite e smagliature.
  4. Appunto, le smagliature, soprattutto localizzate su tutta l’area addominale.
  5. Diastasi addominale, ossia la separazione dei due muscoli addominali.

Come fare?

Innanzitutto prevenzione!

addominoplastica post parto
Ginnastica in Gravidanza
  • Evitare di prendere troppi kg in gravidanza, seguendo una dieta ben strutturata dal proprio ginecologo di fiducia o da un nutrizionista.
  • Fare, quando possibile, una leggera attività fisica anche da gravide. Passeggiate o attività in piscina.

Subito dopo il parto

  • Contestualmente con le esigenze e i fabbisogni nutrizionali dell’allattamento, seguire una dieta fornita da uno specialista per iniziare a perdere peso e riconquistare la propria forma.
  • Ogni giorno ritagliarsi un po’ di tempo per muoversi: camminare, andare in palestra o piscina.
  • Evitare eccessi di alcol, caffeina e grassi.
  • Non  fumare.
  • Idratarsi ogni giorno bevendo acqua a sufficienza.
  • Sottoporsi a qualche trattamento estetico, come massaggi, fanghi, applicazione di prodotti di buona qualità.

Se tutto questo non basta?

addominoplastica post parto
Post Parto

Dopo il parto non tutte le donne (soprattutto questione di genetica) riescono a recuperare la forma di prima. Bisogna arrendersi? Assolutamente no! Per riacquistare un ventre piatto, una pancia tonica e snella, muscoli addominali in forma, si può ricorrere all’addominoplastica post parto.

Cos’è l’addominoplastica post parto?

L’addominoplastica post parto è una addominoplastica da fare dopo aver partorito, se si è sicure di non volere altri figli. Si esegue come l’intervento tradizionale, incidendo l’addome, elimando il grasso superfluo tramite liposuzione, tirando la pelle per ridare tonicità. In questo frangente è possibile correggere anche la diastasi, riposizionare l’ombelico ed eliminare le smagliature. Laddove il problema sia poco esteso è possibile anche optare per la mini-addominoplastica. Meno invasiva e con tempi di recupero più brevi.

Chi può ricorrere all’addominoplastica post parto?

Tutte le neo-mamme che:

  • sono sicure di non volere altri figli;
  • hanno finito di allattare;
  • sono tornare al loro peso-forma grazie a dieta e allenamento;
  • godono di buona salute generale;
  • non presentano particolari rischi per quanto riguarda la chirurgia e l’anestesia;
  • meglio se non fumatrici.

Quando il chirurgo può negare la chirurgia addominale post parto?

Il chirurgo, durante il colloquio conoscitivo, può anche decidere di non effettuare l’intervento di rimodellamento dell’addome.

In quali casi?

  1. Se la paziente si trova in uno stato psicologico patologico. Ad esempio se soffre di depressione o dismorfofobia, quindi non ha una visione lucida di se stessa e del suo corpo. Se ha disturbi del comportamento alimentare o della personalità. In questo caso prima dovrà cercare di riacquistare serenità con un giusto percorso di analisi, dopodiché potrà ricorrere alla chirurgia plastica per migliorare il suo aspetto.
  2. In casi di donne che pensano di volere ulteriori gravidanze.
  3. Quando la paziente non risulta idonea all’anestesia o presenta alti margini di rischio chirurgici.

Controindicazioni dell’addominoplastica post parto

L’addominoplastica, come tutti gli interventi chirurgici, presenta dei rischi legati all’anestesia o ad eventuali complicanze. Tuttavia, sono eventi molto rari, specie se a sottoporsi all’operazione sono donne che rispettano tutti i canoni sopra-elencati e se il chirurgo è un professionista serio, esperto ed affidabile.

Importantissimo:

Affidarsi sempre a personale qualificato, in strutture sicure e riconosciute. Non farsi mai ingolosire da offerte low-cost o da “promozioni” eccessivamente vantaggiose ma puntare sulla qualità e sull’esperienza del medico al quale si dona la propria fiducia.

Cosa succede nel post intervento?

addominoplastica post parto
Guaina

L’addominoplastica post parto richiede, generalmente, un day hospital. Solo raramente sarà proposta una notte di degenza per eventuale monitoraggio delle condizioni della paziente. Subito dopo, se compare dolore o gonfiore, si potrà ovviare al problema con una semplice assunzione di antidolorifici. Sarà necessario indossare una guaina chirurgica per circa 3 settimane. Si potrà tornare alla propria vita normale nel giro di pochi giorni, gradualmente e l’attività sportiva potrà essere ripresa dopo un mese. Per circa un anno dopo l’intervento bisognerà eseguire dei regolari controlli presso il chirurgo che ha operato.

L’addominoplastica post parto è definitiva?

Dipende.

Sì se:

  • non si hanno altre gravidanze;
  • si mantiene il proprio peso;
  • viene adottato e mantenuto uno stile di vita sano e salutare che permetta di mantenere il proprio peso-forma e di tenere allenati gli addominali.

No se:

  • si resta di nuovo incinte;
  • nel caso in cui si accumulino molti kg;
  • se si conduce una vita sedentaria e poco stimolante per la muscolatura addominale.

E’ consigliato questo intervento?

L’addominoplastica post parto può risolvere molti problemi di una neo-mamma. Innanzitutto quello estetico. E teniamo conto che, vedendosi bene e in forma, una mamma può anche superare fasi di insicurezza e scarsa autostima, tipiche del “dopo-parto”. Inoltre può curare diastasi o ernie insorte durante il parto. Quindi la risposta è sì: se ci sono tutti i requisiti per essere candidate ideali all’intervento addominale è assolutamente un’ottima idea ricorrervi.

Aggiungi Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *